200 anni dall’inizio dello Zibaldone

20543884_10210121608052251_3930211404745943222_o20767731_10210023229272970_395186698777602583_n

Sabato prossimo sarò a Civitanova Alta, nell’ambito della Manifestazione “Vita Vita” ideata e diretta da Sergio Carlacchiani. Parlerò dello Zibaldone e di Giacomo Leopardi.
 

Annunci

Semplicità…

primule

“V’ha alcune poche persone al mondo, condannate a riuscir male cogli uomini in ogni cosa, a cagione che, non per inesperienza né per poca cognizione della vita sociale, ma per una loro natura immutabile, non sanno lasciare una certa semplicità di modi, privi di quelle apparenze e di non so che mentito ed artifiziato, che tutti gli altri, anche senza punto avvedersene, ed anche gli sciocchi, usano ed hanno sempre nei modi loro, e che è in loro e ad essi medesimi malagevolissimo a distinguere dal naturale. Quelli ch’io dico, essendo visibilmemte diversi dagli altri, come riputati inabili alle cose del mondo, sono vilipesi e trattati male anco dagl’inferiori, e poco ascoltati o ubbiditi dai dipendenti: perché tutti si tengono da più di loro, e li mirano con alterigia. Ognuno che ha a fare con essi, tenta d’ingannarli e di danneggiarli a profitto proprio più che non farebbe con altri, credendo la cosa più facile, e poterlo fare impunemente: onde da tutte le parti è mancato loro di fede, e usate soverchierie, e conteso il giusto e il dovuto. In qualunque concorrenza sono superati, anche da molto inferiori a loro, non solo d’ingegno o d’altre qualità intrinseche, ma di quelle che il mondo conosce ed apprezza maggiormente, come bellezza, gioventù, forza, coraggio, ed anche ricchezza. […]”

(G. Leopardi, Pensiero XIX)

La sera del dì di festa

2

[…]
Nella mia prima età, quando s’aspetta
Bramosamente il dì festivo, or poscia
Ch’egli era spento, io doloroso, in veglia,
Premea le piume; ed alla tarda notte
Un canto che s’udia per li sentieri
Lontanando morire a poco a poco,
Già similmente mi stringeva il core.

14192193_10207283400978975_9220598986260556182_n

 

Propongo anche uno stralcio dello spettacolo tenutosi a Recanati il 15 aprile 2016 in occasione del secondo Incontro del “Club amici di Giacomo (Leopardi)”, gruppo Facebook fondato nel 2009. Interpretazione magistrale di Sergio Carlacchiani e del soprano Alessandra Gattari con Luca Mengoni (violino) e Luca Verdicchio (Pianoforte).